Menu

184_512488

Musicisti

Down

Musicisti

< Musicisti

Chiave
1993908368

Sergej Galaktionov

Primo Violino

Nato nel 1970 in Russia, ha iniziato lo studio del violino a soli quattro anni frequentando la Central Special Music School del Conservatorio di Mosca. Ha proseguito gli studi al Conservatorio Superiore di Mosca con il Maestro Andrei Korsakov, ottenendo nel 1994 il diploma di solista e nel 1996 il titolo di Dottore in musica.
In veste di solista ha partecipato a numerosi concerti con l’Orchestra Filarmonica di Mosca, l’Orchestra da Camera di Stato della Russia, l’Orchestra Guido Cantelli di Milano, l’Orchestra Sinfonica di Bari, l’Orchestra Sinfonica Siciliana, l’Orchestra e la Filarmonica del Teatro Regio Torino e I Pomeriggi Musicali di Milano collaborando a fianco di Maestri e musicisti quali Vladimir Ponkin, Claudio Abbado, Michail Pletnev, Gianandrea Noseda, Alexander Rudin, Vladimir Jurowsky, Bruno Aprea, Mario Perusso, Giuliano Carmignola.
Sempre come solista si è esibito in prestigiose sale e teatri in Italia e nel mondo: Salle Gaveau di Parigi, Cancelleria del Vaticano, Teatro Coccia di Novara, Teatro Politeama di Palermo, Teatro Carignano di Torino, Teatro Valli di Reggio Emilia, Sala Cajkovskij della Filarmonica di Mosca, Suntory Hall di Tokyo, Kyoto Music Center e Sony Hall di Toronto. Ha collaborato come Primo Violino Solista con i “Cameristi della Scala” in tournèe in Israele e Canada. Nel Dicembre 2014 ha eseguito in veste di solista concertatore le Quattro Stagioni di Vivaldi con l’Orchestra del Teatro Regio di Torino presso il Palazzo di Vetro dell’ONU (New York), evento trasmesso in diretta streaming in tutto il mondo.
Di particolare rilevanza artistica si evidenzia l’esecuzione del concerto n. 2 “La Campanella” di Niccolò Paganini a Milano, concerto eseguito con lo Stradivari “Il Cremonese” (1715) concesso dalla Fondazione Negri e dal Comune di Cremona. Ha concertato e diretto diversi programmi per orchestre da camera con musiche di Bach, Mozart, Vivaldi, Mendelssohn, Bruch, Hadzon, Sulema de la Cruz, ecc., che lo hanno visto grande protagonista nelle stagioni del Teatro Regio di Torino e della Sala Verdi di Milano con l’Orchestra Guido Cantelli.
È ospite dei Festival Internazionali d’Autunno di Mosca, delle Settimane Musicali di Stresa, del Festival Echos e del Luzern Festival.
Nel 2000 ha vinto il Concorso Internazionale Viotti.
Il suo repertorio spazia da Bach fino ai più importanti compositori del Novecento. Esegue regolarmente brani di alcuni dei più rappresentativi compositori italiani quali Giacomo Manzoni, Armando Gentilucci, Adriano Guarnirei, Luca Mosca, Alberto Colla e Azio Corghi.
Dal 2004 ricopre il ruolo di Primo Violino di Spalla dell’Orchestra e della Filarmonica Teatro Regio Torino. Nel 2005 è stato insignito del “Premio Protagonisti nella Musica”.
Con la Filarmonica e l'Orchestra del Teatro Regio ha suonato come solista il Concerto n.1 di Shostakovich e la Suite da Concerto di Taneyev diretti dal Maestro Noseda e, diretto dallo stesso compositore, il "Concerto Grosso" di Luis Bacalov.
Suona un violino G.B Guadagnini (Torino, 1772) della Fondazione Pro Canale di Milano.

Galaktionov Serguei bn“Con esecuzione di due brani di Wieniawski, considerato il Paganini polacco, Galaktionov ha dato sfoggio delle sue grandi doti tecniche ed espressive…” (Liberta) Sabrina Silan “…

pregevolissimo violinista, Serguei Galaktionov interprete di Bach e di Mendelssohn adolescente. Con un violinismo lontano dallo stereotipo “russo”, di indole squisitamente cameristica, segnato da una grande finezza di fraseggio, il solista ha inteso leggere il capolavoro bachiano con un apprezzatissimo equilibrio d’insieme, sfoderando poi nella poco nota pagina mendelssohniana doti di controllata agilita e canto. (Adige) di Giuseppe Calliari “..

“Concerto n.2 “ La Campanella” di Paganini, iseguito da l’ottimo Serguei Galaktionov, il quale ha risolto brillantemente una parte che da sempre fa tremare le vene ed i polsi a qualsiasi violinista.. …ha ricreato quelle sensazioni che furono alla base del mito Paganini” (Corriere della Sera) di Paolo Torallo