Menu

L1001904

News & Press

Down

News & Press

Creazioni Innovatrici

Enrico Dindo

 

Concerto di chiusura di STRESA FESTIVAL 2017

Venerdì 8 settembre 2017 ore 20.00, Palazzo dei Congressi – Stresa

Questo concerto è dedicato a tre grandi compositori, lontani tra loro nel tempo e nello stile, ma tutti e tre accumunati da una creatività musicale fortemente innovatrice.

A prima vista il confronto storico attraverso i secoli con i giganti Beethoven e Šostakovič rischia di ridimensionare l’importanza di Wilhelm Friedemann Bach, relegandolo in un angolino della storia della musica. Eppure la voce di Wilhem Friedemann è innovativa, sapiente, ispirata e intrigante.
La Sinfonia in re minore F65 è conosciuta anche come Adagio e Fuga ed è esempio di un livello compositivo paragonabile a quello del ben più famoso padre Johann Sebastian.
Rispetto pero’ ai preludi e fughe del padre qui c’è più frammentazione, più tensione, più interesse per la “descrizione” dei moti dell’anima. Sicuramente attraverso la sua musica Wilhelm Friedemann si è posto nella storia come un innovatore, uno sperimentatore e come anello di congiunzione critico tra i periodi barocco e classico.

In questa ottica ci sono delle similitudini inaspettate con Beethoven e Šostakovič; anche loro hanno saputo sviluppare con fantasia innovativa la lezione che i musicisti precedenti hanno loro consegnato, raggiungendo risultati sorprendenti.

La Natura è la protagonista nella Sinfonia n° 6 in fa maggiore op. 68 (Pastorale) di Ludwig Van Beethoven. Ogni movimento della Sinfonia descrive una scena di vita campestre e per questo alcuni la definiscono un esempio di “musica a programma”, ovvero di pura narrazione musicale, ma va considerata l’indicazione che Beethoven scrive in partitura: “Più espressione del sentimento che descrizione”.

Il Concerto per Violoncello e Orchestra n° 1 in mi bemolle maggiore op. 107 stato composto da Dmitrij Šostakovič per il suo grande amico Mstislav Rostropovič. Considerato uno dei concerti più impegnativi, ha molte assonanze con la Sinfonia Concertante di Sergej Prokof’ev. Šostakovič stesso dichiarò di essersi profondamente ispirato a quel brano per avere il giusto “impulso” alla creazione del suo concerto per violoncello.

Conoscenza, creatività, scoperta e sviluppo sono passaggi che nella vita dei compositori si sono sempre verificati: la loro musica oggi come allora ci invita a percorrere lo stesso viaggio.

Programma:

Wilhelm Friedemann Bach – Sinfonia in re min. F65
Dmitrij Šostakovič – Concerto per violoncello e orchestra n. 1 in mi bemolle maggiore op.107 (1959)
Ludwig van Beethoven – Sinfonia n. 6 in fa maggiore op. 68 “Pastorale” (1808)

Enrico Dindo, violoncello
Filarmonica Teatro Regio Torino
Gianandrea Noseda, direttore

Per informazioni di biglietteria clicca QUI